Ricordati di divertirti con passione e di sorridere

È stato calcolato che, escludendo le ore di sonno, una persona lavora mediamente più del 60% della propria vita.

Considerando quanto lavoriamo noi parrucchieri, credo che la percentuale sarà decisamente più sostanziosa: il 70%, l’80%… il 99%? Possiamo includere anche tutti gli orari fuori dal lavoro che puntualmente ci regala la Sig.ra Rossi per lamentarsi del marito, dei figli e dell’amante!

Ma cosa voglio dire con questo? È molto semplice. Trascorriamo la maggior parte della nostra vita al lavoro. Non sarebbe forse meglio farlo sorridendo, divertendosi e con entusiasmo e passione?

Altrimenti… che noia!

Facciamo un piccolo esercizio introspettivo… Prendiamoci 5 minuti del nostro tempo lavorativo e meditiamo su questo: ci stiamo divertendo? Mettiamo passione in quello che facciamo? Sorridiamo alla vita?

Per aiutarvi, ecco una citazione di George Bernard Shaw:

"Ecco la vera gioia della vita: essere usati per uno scopo di cui voi stessi riconoscete il valore. Essere una forza della natura, invece che un piccolo agglomerato di fibre, eccitato ed egoista, pieno di disagi e lamentele, che brontola per il fatto che il mondo non si dedica abbastanza alla causa della sua felicità".

Ecco anche un bel proverbio cinese:

"Chi non sa sorridere è inutile che apra un negozio". 

Più che un proverbio, sembra in realtà una bella frecciatina!

Credo però che sia successo a tutti noi, al ristorante, in una boutique o dal panettiere, di incontrare qualcuno che di sorridere non ne aveva proprio voglia! Come è stato allora il servizio che avete ricevuto, eccellente? Immagino di no! Anche se il cibo era buono, l’abito di classe ed il pane fresco, qualcosa è andato storto. Sarebbe bastato un sorriso, una piccola gentilezza, che non costa proprio nulla, per rendere tutto perfetto!

Come dice Tom Peters, coautore di “Alla ricerca dell’Eccellenza“: la gentilezza non costa nulla e spesso alcuni aspetti che sembrerebbero secondari, come il sorriso, sono determinanti nel rapporto con i clienti.

Ugualmente, in salone, la regola d’oro per l’eccellenza è: personale felice = clienti felici.

Semplice, no?

Chi vorrebbe farsi fare una piega di 30 minuti da una parrucchiera triste, acida e musona che sbuffa perché “Brad Pitt ha deciso di sposare la Jolie”?

Alcuni piacevoli approfondimenti sul sorriso: avrete probabilmente visto il bellissimo film con protagonista il grande Robin Williams nel ruolo del medico-clown Patch Adams… questo dottore in America curò gratuitamente più di 15.000 persone con l’aiuto della “terapia del sorriso“.

Esiste addirittura una materia scientifica che si occupa proprio di studiare gli effetti del sorriso: la gelotologia.

Ecco quali sono gli effetti di una sana risata sul nostro corpo:

  • aumento dell’ossigenazione del sangue;
  • miglioramento del tono muscolare addominale;
  • aumento della produzione degli anticorpi;
  • stimolazione della produzione delle endorfine (responsabili dello stato di eccitazione);
  • stimolazione della produzione della serotonina (nota anche come l’ormone del buonumore);
  • neutralizzazione degli effetti dello stress;
  • neutralizzazione degli effetti dell’ansia;
  • aumento delle “energie psichiche” e dell’autostima;
  • ricambio della riserva d’aria presente nei polmoni.

Direi proprio che abbiamo qualche buon motivo per sorridere!

Ecco un’antica e “divertente” tecnica Zen: appena svegli, concediamoci 5 minuti per sorridere; ripetiamo l’operazione anche la sera prima di addormentarci.

Ridere sulla giornata che viene, ridere sulla giornata che va!

Buona vita!

instagram

YOUTUBE

Newsletter

Resta aggiornato sulle ultime dal CAMP!

L'iscrizione alla newsletter è andata a buon fine.